Risultati da 1 a 1 di 1

Grecia: Guida Di Kos: Spiagge E Localita' Da Visitare

- Kos (Cos, Coo) è la terza isola greca del gruppo del Dodecanneso in termini di ...

  1. #1
    Aficionado del forum
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    37

    Guida Di Kos: Spiagge E Localita' Da Visitare

    Kos (Cos, Coo) è la terza isola greca del gruppo del Dodecanneso in termini di dimensione dopo Rodi e Karpathos. Di forma stretta e allungata (è lunga 46 km e larga da 2 ad 11 Km), nel suo punto più stretto è possibile da qualsiasi rilievo osservare contemporaneamente le opposte coste. Si trova nella parte sud-orientale del mar Egeo, di fronte la costa turca: a pochi chilometri di navigazione si trova la rinomata città di Bodrum (un attento viaggiatore noterà come le zone interne dell’isola siano fortemente militarizzate, Kos infatti rappresenta un basilare punto strategico militare).
    In antichità era chiamata “Isola dei Beati”, perché si riteneva fosse patria di eroi e dei. Kos gode infatti di un clima tra i più gradevoli del Mediterraneo con inverni miti ed estati calde però mitigate dal meltemi, vento piuttosto asciutto e fresco proveniente dal nord, caratteristico anche delle Cicladi. E’ possibile dunque bagnarsi da Maggio fino ad Ottobre inoltrato. Le sue spiagge di sabbia sono spesso ombreggiate da alberi che raggiungono il mare o dai classici ombrelloni dei lidi organizzati (fantastico quello di Kos Town, contraddistinto da bandiere che indicano la nazionalità).
    Kos è celebre per essere la patria di Ippocrate, padre della medicina, noto per il giuramento ancora oggi pronunciato dai medici. A lui si devono le prime convinzioni che malattia e salute di una persona derivassero da particolari situazioni umane riconducibili alla persona stessa e non ad interventi divini, introducendo anche i concetti di diagnosi e prognosi.
    Kos può essere tranquillamente essere girata in motorino, grazie anche alla sua morfologia: esiste infatti un’unica strada principale (la "main road") che taglia longitudinalmente l'isola da Kos a Kefalos (circa 42 Km), una piuttosto larga e in un discreto stato, quasi mai trafficata. Dalla main road partono poi le strade più piccole indispensabili a raggiungere le cittadine lungo le coste.
    La vita notturna a Kos non ha nulla da invidiare alle animate isole delle Cicladi, ogni piccolo centro ha i suoi bar e taverne, anche se il top della nightlife è raggiunto a Kardamena, Kos Town, Tigaki e Kefalos.

    Kos town
    E’ la bellissima capitale dell’isola e si trova presso la costa orientale dell'isola, in un meraviglioso ambiente cosmopolita con influenze dell'Asia Minore. La città moderna è stata costruita nei luoghi del suo passato: come risultato, le rovine del passato sono dovunque visibili. Non c’è da stupirsi se ci ritroverà a bere un Nescafé immersi nei resti archeologici. Inoltre, monumenti di ogni periodo storico, si alternano l'un l'altro in una singolare mescolanza culturale. I suoi grandi viali fiancheggiati dalle palme, i piccoli vicoli pieni di negozi di souvenir, i palazzi storici perfettamente restaurati di fianco alle moderne costruzioni, le donano un carattere del tutto originale.
    Il più importante edificio dell'isola è senza dubbio il castello dei Cavalieri dell'Ordine di San Giovanni, posizionato sul lato orientale del porto. Fu costruito nella seconda metà del XIV secolo per difendere la città e controllare lo stretto passaggio tra l'isola e la costa dell'Asia Minore adoperando la comune pietra locale anche se alcune parti come colonne e architravi furono prese dai resti della città antica.
    Inevitabile è anche la visita al platano di Ippocrate, un albero di enormi dimensioni, all'ombra del quale si dice che il famoso medico impartisse lezioni ai suoi discepoli.
    La città si sviluppa intorno al porto in un dedalo di stradine che si ricongiungono alle moschee di Deftedar e di Hadji Hassan, dietro ai resti dell'antica agorà.
    Splendida è la Marina della città, inaugurata nel 2001. Non solo offre un rifugio protetto a qualsiasi barca o yacht, ma offre anche una splendida cornice fatta di ristoranti dove passare serate piacevoli a bordo di barche più o meno antiche.
    La vita notturna non deluderà i nottambuli più esagitati: basta recarsi nella Bar Street e ci si ritroverà immersi in un mare di ragazzi pronti a divertirsi ballando o semplicemente bevendo e chiacchierando seduti fuori ai tavolini. Da segnalare il West Bar (frequentato interamente da danesi) e il Limit Bar.

    Asklepeio
    Situato a 4 km ad ovest di Kos, Asklepeio è il più importante sito archeologico dell'isola. Gli scavi iniziarono nel 1902 per opera degli archeologi Zaraftis ed Hertsok. Costruito in una zona verde piena di cipressi, è il santuario eretto in onore del dio della medicina, Esculapio (Asklepeio), figlio di Apollo e fu impiegato anche come ospedale, dove operò anche Ippocrate. A causa del terreno ripido, il sito si estende su quattro terrazze. Nella prima si trovano i resti del tempio dorico di Esculapio del IV secolo a.C.. Nella seconda si trovavano le terme dove lavorava Ippocrate. Nel terzo livello si trovano sette colonne corinzie di epoca romana e quello che doveva essere l’ingresso di un edificio termale. La quarta include un grande tempio di stile dorico e quelle che dovevano essere le camere dei pazienti.

    Platani
    E’ un piccolo villaggio a soli 3 Km ad ovest di Kos Town lungo la strada che porta al sito di Asklepeion. Fino al 1964 il suo nome era Kermetes ed era un insediamento turco con una propria scuola di lingua turca, negozi con prodotti turchi ed una moschea. Tuttavia, quando i rapporti tra Grecia e Turchia si incrinarono improvvisamente a causa di pesanti tensioni per la solita questione cipriota, la lingua turca fu abolita dalla scuola, il villaggio fu rinominato nel suo attuale nome Platani molti suoi residenti si trasferirono altrove a Kos o ritornarono in patria, temendo rappresaglie.
    Oltre al minareto turco e ad alcuni negozi, non è rimasto molto a testimoniare la presenza turca, ma vale la pena una breve sosta per gustare in una delle tante taverne i piatti greci che comunque subiscono un’influenza turca: un vero piacere per il palato.

    Empros Thermes
    Spiaggia distante una decina di chilometri da Kos Town. E’ di sabbia nera di origine vulcanica ed è nota per la presenza di una scogliera dalla quale sgorga in mare una fonte di acqua alla temperatura di 45-50°C che contiene diversi minerali quali calcio, sodio, potassio, magnesio, zolfo, benefici per la cura dei reumatismi e dell’artrite. Alcuni scogli disposti a semicerchio creano ad una piscina naturale di acqua calda dove è possibile bagnarsi in pieno benessere.
    Per raggiungere il posto è necessario discendere un breve tratto piuttosto ripido e sterrato, ma la camminata ha come sfondo uno splendido panorama.

    Tigaki
    E’ la spiaggia frequentata dagli abitanti dell’isola, in prevalenza provenienti dal più grande vicino villaggio di Asfendiou. Situato in una piccola valle verdeggiante, Tigaki si è sviluppata fortemente negli ultimi anni, passando da semplice spiaggia a centro turistico molto animato. Non sarà difficile trovare posto per dormire in zona, anche in appartamenti in prossimità della spiaggia. Bar, ristoranti e piccoli negozi soddisferanno ogni tipologia di turista. Non manca un’intensa vita notturna, grazie a diversi club, bar e discoteche, dove divertirsi fino alle prime ore dell’alba. Tra i tanti si segnalano il 7dayz, il Mascot Bar, il Kovotis e il Memories Bar.

    Marmari
    Situato a circa 15 Km. da Kos Town e 4 km dallo splendido villaggio di Pyli, la spiaggia di Marmari è una delle spiagge più famose dell’isola. Si tratta di una lunga spiaggia sabbiosa che attira molti visitatori per lo scenario selvaggio distante dal concetto di spiaggia che si può trovare in Italia, chiassosa, affollata e sporca. E’ tuttavia molto organizzata offrendo la possibilità di fare sport sulla spiaggia e le tradizionali taverne offrono spuntini e bevande fresche, ma anche un pasti completi a prezzi accessibili. Potrebbe dare qualche fastidio il forte vento che quasi sempre si presenta in spiaggia.

    Pyli
    A soli 4 Km. dal centro turistico di Marmari, Pyli è una piccola città situata al centro dell’isola tra gli alberi d’ulivo. Le poche case della città si riuniscono attorno la piazza principale, centro delle attività con bar, piccole taverne. Da visitare la “Pyliotiko Spiti” (la casa di Pyli), un casa antica tradizionale. Non molto distante c’è una sorgente di acqua calda che sgorga da sei fontane. Altra visita consigliata è quella al Charmyleion, una complesso funebre datato al periodo ellenistico, appartenente con molta probabilità ad un eroe ed ai suoi discendenti.
    Appena fuori dalla città c’è un piccolo lago artificiale utilizzato per le coltivazioni del posto. A circa 3 Km. dalla città, invece, è possibile visitare il “Palio Pyli”, insieme di rovine dell’antico insediamento di Pyli. Il sito più interessante è senza dubbio la chiesa di Ypapanti, costruita nel XIV secolo, ed i suoi stupendi dipinti murali, una splendida icona di legno intagliato e colonne prese da un antico tempio greco preesistente, forse destinato al culto di Demetra. Si può anche visitare una piccola chiesa bizantina e nelle vicinanze, all'interno di un insieme di abeti, una sorgente che in passato era utilizzata per dissetare gli animali.
    Sempre in zona, in cima ad una collina, si trova anche un castello bizantino che domina l’intera zona. Fu costruito tra il IX e l’XI secolo e quando l’isola di Kos fu conquistata dai Cavalieri di San Giovanni fu restaurato e fortificato. Un percorso poco agevole, da percorrere a piedi, ma il panorama mozzafiato ricompensa la fatica spesa: Marmari, le isole di Pserimos e Kalymnos e distanti all’orizzonte si scorgono le coste della Turchia occidentale.
    Numerosi sono gli eventi e le feste che si svolgono durante l’anno a Pyli, tra le quali imperdibile è il Carnevale.

    Zia
    Zia, situato sulla montagna Dikaion, è il villaggio più alto dell’isola, immerso nel verde e pieno di sorgenti d’acqua (qui si trova il più vecchio mulino dell’isola). Grazie alla sua favorevole posizione Zia è un posto indubbiamente pittoresco: gode di un panorama non solo dell’intera isola, ma anche di quelle limitrofe e della vicina costa turca. Potrete acquistare nei piccoli negozi, ovviamente dopo assaggio proposto dagli cordiali proprietari, numerose specialità del posto, come ad esempio, miele di timo, olio d'oliva con peperoncino. Zia è il posto perfetto dove ammirare uno splendido tramonto in una piacevole serata romantica gustando in una delle tante taverne alcuni tipici piatti locali e magari dormendo in una delle stanze disponibili in un atmosfera tenera e rilassante

    Asfendiou
    Distante 14 Km. da Kos Town, è composto da due quartieri principali separati (Evangelistria o Pera Ghitonia ed Assomatos), costruiti sui pendii del monte Dikeou. Ha avuto una particolare crescita per circa un secolo, dal 1850 al 1940, grazie alla produzione di vino e di olio. Le case del paese hanno i cortili pieni di fiori e i suoi vicoli stretti sono pieni di taverne e kafenieon (caffé) tradizionali. Di particolare interesse artistico sono la chiesa di Assomati Taxiarhes, costruita nell’XI secolo e, poco fuori il villaggio, i resti di una basilica cristiana di Aghios Pavlos (San Paolo). Quaranta giorni prima di Pasqua si festeggia l’Ascensione del Salvatore con balli, cibi tradizionali e vino fino alla mattina seguente.

    Antimachia e Mastichari
    l villaggio di Antimachia si trova su un altopiano all’interno dell’isola di Kos, non molto distante dall’aeroporto. Interessanti le sua case tradizionali, esempio di costruzione residenziale greca di inizio secolo, alcuni mulini ed castello veneziano del XIV secolo edificato dai Cavalieri di San Giovanni. Il castello domina dall’alto il villaggio regalando una magnifica vista di tutta l’isola. Altre eventuali visite sono quelle alle chiese di Aghios Nikolaos (XIV secolo) e di Aghia Paraskevi (XVIII secolo), entrambe in discrete condizioni.
    Gli abitanti di Antimachia sono famosi come ottimi cantanti e ballerini, il villaggio infatti ha alcuni dei migliori musicisti folk in tutta la Grecia. E’ possibile ascoltarli tutto l’anno, ma in particolare durante lo splendido Carnevale che si celebra in città. Ci sono altre due feste tradizionali locali (“panighyri”), il 30 giugno, in onore dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, e il 15 Agosto, quando si celebra l’Assunzione della Vergine Maria. Altre interessanti feste di carattere sicuramente più profano, sono la festa del miele (fine Agosto) e quella del vino (inizio Settembre), occasioni per gustare prodotti tipici e squisitezze della cucina locale rallegrandosi con musica e danza greca fino al mattino.
    La piccola frazione di Mastichari appartiene al comune di Antimachia. Si trova sul mare ed offre spiagge fantastiche. Dal suo piccolo porto partono collegamenti giornalieri con l’isola di Kalimnos ed le sue taverne propongono pesce fresco (il migliore dell’isola) ed eccellenti specialità locali. E’ possibile visitare le rovine della basilica paleocristiana, con un bel pavimento a mosaico.

    Kefalos
    Il villaggio di Kefalos, un tempo capitale dell’isola, si trova a 43 Km. da Kos Town ed è costruito su due livelli. La parte collinare presenta una serie di case nella tipica architettura isolana e vie molto strette, che rendono l’andare a passeggio molto piacevole. Da vedere la “casa tradizionale”, in realtà un museo che mostra la vita agricola del paese nei tempi andati e il mulino a vento che sovrasta dall’alto la baia di Kefalos. Infine, è d’obbligo una visita alle rovine del vecchio castello, appena fuori l'insediamento principale.
    La parte inferiore di Kefalos è si trova in prossimità di Kamari, un porto turistico disponibile per yacht e piccole imbarcazioni. Vale la pena vedere la basilica paleocristiana di Aghios Stefanos datata intorno al V secolo: risultano ben conservate parti delle decorazioni in mosaico così come alcune sculture, resti degli ornamenti della chiesa.
    A breve distanza dalla costa si trova l'isolotto di Kastri con la chiesetta di Aghios Nikolaos, protettore dei marinai.
    Nei dintorni di Kefalos si può visitare il sito di Palatia con le rovine di Astypalaea, l’antico nome di Kefalos nel periodo in cui era capitale dell’isola: un tempio di Demetra, dea dell'agricoltura, datato intorno al X secolo a.C., un tempio intitolato ad Esculapio, un altro tempio dorico ed un teatro di epoca ellenistica.
    A Zini si trova la piccola chiesa di Panagia Ziniotissa (Vergine Maria), con una magnifica vista sul mare. Vicino alla chiesa si può visitare la grotta di “Aspri Trypa”, dove scavi archeologici hanno portato alla luce numerosi reperti del periodo neolitico.
    Vale la pena di visitare anche il monastero di Santa Aghios Ioannis a circa 7 Km. a sud di Kefalos: un platano perenne copre quasi totalmente la piccola chiesa.
    Verso nord, circa 5 Km. da Kefalos, si può visitare la piccola baia di Limnionas, con una piccola porta, un rifugio per le barche dei pescatori e le imbarcazioni turistiche in caso di mare mosso.
    Nonostante la sua notorietà dovuta anche alle sue spiagge e alle sue acque cristalline, Kefalos ha conservato la sua autenticità con casette dipinte di bianco e i vicoli stretti.
    Vivace la vita notturna: numerosi disco bar per passare tutta la notte all’insegna del divertimento. Consigliati il Sydney Bar, il B-52, il Players Lunge ed il Popeyes.

    Kardamena
    Kardamena è una moderna località turistica ad una distanza di 29 Km. da Kos Town. Si trova sul sito dell’antico insediamento di Alasarna, la seconda municipalità per importanza religiosa delle sei in cui era suddivisa Kos in antichità. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce alcuni resti autorevoli: un tempio di Apollo ed Ercole, un antico teatro risalente al III secolo a.C., un ampio insediamento paleocristiano (piuttosto raro nell’area greca), quattro basiliche dello stesso periodo ed un paio di edifici di epoca romana. Da visitare il castello di Andimahia, un castello edificato sui resti un preesistente castello veneziano in una posizione molto suggestiva: la visita sarà infatti premiata con una panorama eccezionale.
    La spiaggia di Kardamena è la più estesa dell’isola (quasi 5 Km.), ideale per ogni tipo di attività: calcio a 5, snorkelling, sport acquatici, bowling, beach volley, go karting, diving. Chi non ama la sabbia o l’acqua salata del mare si potrà rinfrescare in una delle piscine aperte al pubblico in uno dei numerosi locali sulla spiaggia.
    Ma Kardamena è nota per la sua intensa vita notturna: un’infinità di bar e club concentrati prevalentemente nei pressi del lungomare dai quali per tutta la notte risuona ogni genere di musica. La maggior parte offre anche sport su grandi schermi, musica dal vivo, karaoke, bingo, quiz e tanto altro ancora. I nomi più in voga, in rigoroso ordine alfabetico: 5th Avenue, Bar 1960, Bernies, Bonkers, Bridge Bar, Castle Bar, Cheeky Monkeys, Chilli Peppers, Club 69, Crackers, Downtown, Harleys, Just Blue, Kings Arms, Liquid, Metro Club, No Name Bar, Point One, Slammers, Status, Stone Roses, Sunset Bar, Tango Bar, The Pussy Cat, The Two Johnnies, Ultra Marine. Chi vede la vacanza come puro divertimento allora non può che scegliere Kardamena.
    Per le persone più tranquille, sono disponibili una serie di attività culturali: teatro, concerti, mostre, danze folkloristiche, concorsi di scacchi sono solo alcune delle attività che Kardamena offre durante l’estate.

    L'isola di Nisyros
    E’ una tra le più piccole isole del Dodecaneso e dista un'ora da Kardamena e un'ora e mezza dal porto di Kos. Nisyros è una piccola isola piena e bellezze archeologiche e naturali. Una volta attraccati a Mandrakio, porto e città principale dell’isola, si noterà subito il suo incredibile ed minaccioso vulcano. Secondo il mito questo vulcano è in realtà la bocca di Polyvoti, un gigante sepolto sotto l’isola dalla furia di Poseidon che aiutò Zeus nella lotta contro i Titani.
    Il bianco delle casette contrasta con il nero della terra vulcanica creando un’atmosfera surreale. Da segnalare Lontra, cittadina ad 1,5 Km. ad est di Mandrakio, nota per le sue acque sulfuree che arrivano a 48°C. Le sue terme, ancora in funzione ed aperte da Giugno ad Ottobre, dispongono di decine di posti letto ed è dunque possibile effettuare dei soggiorni a base di cure termali.
    Non mancano diverse spiagge dove bagnarsi in completo relax, lontano dal turismo di massa.

    #
    Ultima modifica di magnaromagna; 18-06-10 alle 01: 14 Motivo: link propri solo in firma

 

 

Discussioni Simili

  1. Bandiere blu: sono 233 le spiagge di qualità in Italia
    Di anna.f nel forum Casa e Ambiente
    Risposte: 18
    Ultimo: 18-08-11, 16: 39
  2. consigli Cervia: Spiagge libere
    Di deja vu nel forum Ravenna
    Risposte: 2
    Ultimo: 22-08-10, 12: 19
  3. trattoria Mileo - Località Montedivalli (MS)
    Di marcu2005 nel forum Massa Carrara
    Risposte: 0
    Ultimo: 05-07-09, 19: 55
  4. Spiagge da salvare
    Di kitrini nel forum Casa e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo: 09-06-09, 17: 33
  5. vacanza localitÃ* cinqueterre ^^
    Di yrem nel forum Consigli di viaggio - Italia
    Risposte: 0
    Ultimo: 11-05-06, 19: 11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •