Il Falco Vallugola – Pesaro

Please log in or register to like posts.
News

Falco Vallugola
61121 Pesaro (PU) Strada Vallugola, 1 Loc. Baia Vallugola
tel: 0721 208403
Falco – Home
il falco vallugola, pesaro, italia

[IMG]https://www.baltazar.it./images/icons/icon2.gif’> [B]Da non confondere con sito web:https://www.baltazar.it./ristoranti-pesaro-urbino/5249-il-falco-pesaro.html[/B]

Ottima vista, locale di buona qualità, prezzi nella media, non so com’è il caffè specialità, a me non l’hanno proposto ho bevuto quello normale e devo dire che è l’unica nota stonata del pranzo.

Reactions

0
0
0
0
0
0
Already reacted for this post.

Reactions

44 comments on “Il Falco Vallugola – Pesaro

  1. Non è possibile, puoi dirmi tutto ma io le mie pulci le metto in autoclave, e senza metodo tradizionale

  2. Ma difatti ti stai facendo le pulci da solo.. Non esiste nessun “metodo tradizionale” è un aggettivo qualificativo che ho usato per sottintendere il metodo charmat.


  3. Di fatto i metodi so’ due, va.
    Con due nomi a testa, uno italiano e uno francese più universalmente noto.

    Tutti i metodi coi nomi che si sentono ora, naturale, ancestrale e simili, volta e gira a guardar bene riscascano dentro i soliti due.

    Vero, tanti nomi per indicare solo due metodi di base.
    Difatti la discussione iniziò sull’ambiguità ( per me ) del termine ‘metodo tradizionale’ che intendo come sinonimo di champenois, senza volere in questo caso fare le pulci a Raffo


  4. In effetti il base è assai più diffuso

    Se pensi al prezzo pagato di € 13,50 è l’ unico possibile.


  5. Quanti nomi sti metodi però..

    Di fatto i metodi so’ due, va.
    Con due nomi a testa, uno italiano e uno francese più universalmente noto.

    Tutti i metodi coi nomi che si sentono ora, naturale, ancestrale e simili, volta e gira a guardar bene riscascano dentro i soliti due.


  6. tornando in topic dovresti aver bevuto questo:

    che però non ho mai visto in vita mia…

    è più probabile che tu abbia bevuto questo:

    che è si spumante brut,ma metodo charmat

    [img]https://www.baltazar.it./images/imported/2012/06/71.jpg[/img]
    22 novembre 2011 – Dopo i recenti prestigiosi riconoscimenti internazionali, arrivano nuove importanti soddisfazioni per Bisol e Jeio dall’International Wine Challenge di Vienna, riconosciuta ufficialmente dall’UE come unica competizione austriaca a livello internazionale e come eccellente classificazione dei vini: il Jeio Cuvée Brut ha conquistato l’ambita medaglia d’oro, raggiungendo l’ottimo punteggio di 90,9 punti.

    “In questa occasione, la Cuvée vince sul Prosecco: Jeio, che omaggia la memoria di mio nonno Desiderio detto Jeio, è una collezione che valorizza l’esperienza maturata da Bisol nel creare Cuvée e esprime la differente vocazione di ogni singolo terroir di nostra proprietà” commenta Desiderio Bisol, direttore tecnico ed enologo “Jeio Cuvée valorizza i migliori vitigni del territorio quali Glera, Manzoni Bianco, Sauvignon, Chardonnay e Verdiso ed è frutto di un grande impegno in vigneto e un lungo lavoro di ricerca in cantina: nasce, così, uno spumante armonico, versatile ed elegante, che colpisce per carattere e personalità”.

    Non so cosa ha bevuto ma penso che il vino in questione sia questo.

    Non volevo fare la bottiglia cosi grande [azz]

  7. Allora se vado in Alsazia e ordino una pollastra va bene se chiedo un prosecco..


  8. Giusto, ma è pur vero che tradizionale si usa anche come sinonimo di metodo classico o mio errore fu il pensarlo

    la parola tradizione ha un significato inequivocabile,e lo stesso per la parola classico

    difatti io tendo a sostenere che la cucina italiana classica NON esiste,in quanto non abbatte le barriere territoriali e soprattutto non è codificata.
    Se in Francia ordini una poularde a la creme,che tu sia in Alsazia come in Provenza,è ben chiaro quale siano i prodotti e la preparazione,senza il minimo dubbio.
    Il ragù è una ricetta che si fa in molteplici città d’italia,con ricette diverse,ed ognuno giura che la propria ricetta è quella giusta.
    Ecco perchè IMHO è più appropiato parlare di cucina di tradizione e territorio.

    Tornando a noi,il proscecco di Valdobbiadene si produce tradizionalmente col metodo charmat,in autoclave.


  9. Se un’inesattezza ho scritto è quella metodo classico-rifermentazione in bottiglia.
    Esistono vini (e non solo) che rifermentano in bottiglia senza per questo fare il cosiddetto metodo champenois.

    Giusto, ma è pur vero che tradizionale si usa anche come sinonimo di metodo classico o mio errore fu il pensarlo

  10. Se un’inesattezza ho scritto è quella metodo classico-rifermentazione in bottiglia.
    Esistono vini (e non solo) che rifermentano in bottiglia senza per questo fare il cosiddetto metodo champenois.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *